Psicoterapia

Fobia sociale


La caratteristica essenziale della Fobia Sociale è una paura persistente che riguarda le situazioni sociali - quando ci si trova di fronte a situazioni che possono creare notevole imbarazzo - perché è fortemente temuto il giudizio e si ha il timore della critica altrui; la persona risente perciò notevolmente della presenza di persone sconosciute o più semplicemente dell'esposizione al giudizio degli altri.
La fobia sociale può riguardare sia contesti specifici - si può entrare in ansia per il fatto di dare un esame o di parlare in pubblico - ma può riguardare anche tante situazioni sociali differenti in cui immancabilmente si manifesta imbarazzo: in tal caso viene definita fobia sociale generalizzata. Quando la fobia è persistente, se non è subito affrontata può trasformarsi in un Disturbo di Personalità: il Disturbo Evitante di Personalità. Si dice "evitante" proprio perché la persona evita di stare a contatto con gli altri, per il timore eccessivo del giudizio e della critica altrui, e così si entra in un circolo vizioso che la porta all'isolamento e all'aggravarsi della situazione.



Un aspetto importante nella relazione con le persone che si rivolgono a me per la cura della Fobia Sociale è proprio la loro ansia di non essere approvate, ben considerate, e ciò può portare a vivere come critica qualsiasi osservazione.
Gradualmente - nel corso della terapia - si possono affrontare le situazioni temute, ci si può esporre alle situazioni più critiche e, mano a mano che viene superata l'ansia, si può entrare in relazione con l'altro senza il timore del giudizio.
È attraverso un percorso terapeutico, spesso più breve di quanto si creda, che si riesce ad affrontare e superare questa situazione che ci ha "bloccato" a volte anche per anni.



Torna a PSICOTERAPIA